Come fare una pagina web: la lunghezza ottimale.

Share

Parliamo di lunghezza delle pagine web, la lunghezza del testo delle pagine web. C’è tutto un dibattito su quanto deve essere lunga una pagina web per avere i migliori risultati sui motori di ricerca, per acquisire importanza, per vincere rispetto ai competitori. Bene, la risposta è: non c’è una lunghezza ideale. In teoria la risposta è: la migliore lunghezza è quella “infinita”, nel senso che più il vostro articolo è lungo, più la vostra pagina web è lunga e ricca di informazioni di testo e più ovviamente sarà visitata, intanto per un fatto proprio di di “casistica” nel senso che se voi avete una pagina piena di testo avrete tanti vocaboli all’interno, così tanti che comunque rintraccerete, nelle intenzioni di ricerca, nelle frasi di ricerca che gli utenti inseriranno su Google o sugli altri motori di ricerca. Avrete una altissima probabilità di essere rintracciati (o la vostra pagina di essere rintracciata) proprio perché questa ricchezza di vocaboli vi dà un vantaggio rispetto agli altri competitors.

Ma c’è un’altra riflessione che riguarda non tanto un fatto di strategie e di tecnica: è proprio perché voi soprattutto (e io mi rivolgo in particolar modo a chi realizza un sito e lo aggiorna costantemente proprio perché è legato al suo business, alla sua attività commerciale), bene, voi ricordate che non siete tanto a caccia di visitatori, nel senso che non dovete per forza attrarre visite così, alla buona. Dovrete (DOVETE) attrarre visite al vostro sito da parte di potenziali clienti, persone interessate al vostro servizio, al vostro prodotto. Quindi sicuramente la quantità, la lunghezza delle pagine web vi aiuta a descrivere il vostro servizio, a descrivere in dettaglio il vostro prodotto in tutti gli aspetti.

Non abbiate paura di essere noiosi nella pagina, di annoiare l’utente perché, se l’utente è la ricerca di un prodotto o un servizio come il vostro, state tranquilli che andrà a leggersi tutta la pagina o comunque, anche se si fermerà… io, ecco, prendo il mio esempio: io giorni fa su Facebook ho incontrato una inserzione pubblicitaria; l’argomento mi interessava particolarmente e quando sono andato (perché Facebook fa vedere solo una porzione del testo e poi dice “leggi altro” e c’è un link per espandere l’articolo, espandere l’inserzione) e quando sono andato a cliccare ho trovato una cosa lunghissima una veramente un testo enorme, una cosa atipica per un’inserzione, specie su Facebook. e mi sono meravigliato. Però, mi sono meravigliato… ma la sensazione è stata positiva, perché ho detto “Ah, però… quante informazioni!” e anche se non sono riuscito a leggere tutto perché era veramente, veramente lungo ho preso nota mentalmente di quell’inserzione e di quel personaggio che aveva pubblicato l’inserzione. Quindi è molto importante essere descrittivi, il più possibile descrittivi.

Se voi vi occupate di aggiornare anche una pagina (mi ricollego al discorso delle statistiche fatto già in un altro video) il discorso è questo: se voi volete catturare l’attenzione dei vostri potenziali clienti dovete espandere il più possibile l’argomentazione relativa al vostro servizio o al vostro prodotto. Quindi prendete le pagine e lavorateci, diciamo, “ad espansione progressiva”: laddove vedete che manca qualcosa in una determinata pagina andate a integrare. Se vedete che c’è un determinato interesse e, ripeto, dalle statistiche potete vedere quali sono le pagine più interessanti per i visitatori, bene, andate su quella pagina e allungate un pochino, approfittando anche per aggiornare, se ci sono dei contenuti obsoleti; però andate ad espandere i vostri argomenti.

Posso anche fare dei numeri sulla lunghezza della pagina: attualmente quello che si è osservato dai primi risultati sulle pagine, sui risultati di ricerca di Google, è che i siti meglio posizionati hanno una lunghezza di pagina che si attesta intorno alle 900 parole, ma considerate che una media, quindi se io dico che c’è una media di 900 parole per pagina sui siti meglio posizionati su Google vuol dire che magari c’è un sito che ne ha 800 un altro sito ne ha 1200 e così via, quindi è solo un riferimento per farvi capire, un metro per andare sul vostro sul vostro sito, guardare le pagine e vedere: “Ok, questa pagina ha 500 parole. Beh, allora devo sicuramente fare un lavoro di espansione, quantitativa e qualitativa. quindi non è che scrivete così, perché dovete per forza allungare il brodo. No, dovete vedere cosa, secondo voi, … guardare i contenuti che già ci sono, vedere magari se c’è qualche tema che è stato trattato in modo un po’ frettoloso. oppure aggiornare. perché se ci sono novità relativamente a un determinato argomento andate a aggiornare, appunto, l’informazione. Come vedete è un lavoro infinito quindi quando io sento parlare (e qualcuno che mi segue già lo sa) quando sento parlare di frasi come “crea il sito in cinque minuti” dico “si, crei il sito in 5 minuti… tu crei il dominio e il telaietto web del sito e basta”, perché il sito è in continua creazione. “Crea il sito ogni giorno“: ecco, questo forse è più giusto.

Se volete saperne di più: ho un corso, ho rilasciato in corso molto completo, che vi spiega un po’ tutte le tecniche su come fare le pagine, quindi procedure passo passo e strategie per sviluppare il sito in modo molto efficiente, efficace e completo. Racchiude vent’anni di mia esperienza sulle tecnologie web. Per chi non mi conoscesse sono ingegnere elettronico e mi occupo di web da circa vent’anni, quindi direi che, insomma, il corso è veramente valido perché raccoglie tutto ciò che è stata la mia esperienza in tutti questi anni. Quindi vi spiego le tecniche, le strategie da utilizzare, gli errori da non commettere e tutto per fare del vostro sito il vostro fiore all’occhiello.

Comments are closed.